Un'idea storta 4 x 4 km x 70 m…

Una falesia calcarea incontaminata, in aera SIC, ZPS, Rete Natura 2000

Una ex-batteria antinavale degli anni Trenta, “rifunzionalizzata” in struttura ricettiva

Uno sventramento di 4 km, tonnellate di roccia mesozoica gettate in discarica

Per 20 posti letto, l’uomo ha colonizzato l’ultimo tratto incontaminato del Nord-Ovest Sardegna

Una falesia calcarea di 70 m a picco sul mare, all’interno del Parco di Porto Conte (Alghero).

Un luogo incontaminato lontano da qualsiasi forma di urbanizzazione, raggiungibile solo a piedi attraverso tre sentieri naturalistici, per una piena immersione nella natura.

Un’oasi naturalistica dichiarata Zona di protezione speciale (ZPS), Sito di interesse comunitario (SIC) ed entrata a far parte della Rete Natura 2000. Un’area per la quale vige il rispetto assoluto degli esseri che la popolano e in cui, fino ad oggi, l’uomo era ospite.

In cima alla falesia si trova l’ex batteria antinavale SR 413. Il bando Cammini e percorsi ne ha autorizzato la “rifunzionalizzazione”: diverrà una struttura ricettiva. La disposizione interna sarà modificata per realizzare 7 camere con bagno (20 posti letto); dove c’erano le latrine e la cucina, sorgeranno le stanze; la cisterna diverrà una piscina e la sala comune un ristorante (50 coperti + 30 esterni),

Per impiantare le tubature e la rete fognaria, la terra è stata scavata con mezzi pesanti per 3,7 km, tra maggio e luglio 2021: proprio i mesi in cui nidificano alcune delle specie protette, tra cui la berta maggiore, la berta minore e l’uccello delle tempeste.
Tonnellate e tonnellate di roccia calcarea del mesozoico sono state asportate e gettate in una discarica o sparse altrove.

Eppure, dal Parco, non potrebbe toccarsi nemmeno una pietra; non è possibile produrre rumori, usare il flash, portare animali domestici, per non disturbare la fauna. Sarà invece permessa l’illuminazione della struttura, della falesia e di parte dei sentieri anche la notte; sarà autorizzato il passaggio dei mezzi elettrici per il rifornimento di acqua, cibi, cambio biancheria, ecc… nell’unico sentiero che prima poteva percorrersi solo a piedi, nel silenzio più totale.

Per 20 posti letto esclusivi, l’uomo ha colonizzato anche l’ultimo tratto totalmente incontaminato del Nord-Ovest Sardegna.

Ultime News

Calabona non va bene

Calabona non va bene

Calabona, no, così non va bene Ancora una volta gli algheresi assistono silenti, o forse con malcelata rassegnazione, ad una nuova appropriazione da parte di privati di un bene comune, a Calabona. Un tratto costiero vicinissimo al centro cittadino, frequentato e amato...

leggi tutto
Carlo Mannoni su Calabona

Carlo Mannoni su Calabona

L'opinione: Che succede in quel di Calabona, il litorale algherese sul versante verso Bosa, in un piccolo tratto di scogliera tra l’omonimo hotel e la platgeta del Quntillo? Improvvisamente, da un giorno all’altro, in un’ampia porzione di terreno sul mare compreso...

leggi tutto
La bellezza non si ingabbia - Salviamo la falesia di Punta Giglio, Alghero
I modi per sostenere l’associazione Punta Giglio Libera – Ridiamo vita al Parco:

  • Aderire all’Associazione (tessera annuale €10);
  • Mandare email o messaggi ad amici e familiari e chiunque possa essere interessato alla nostra associazione;
  • Proporre una vostra collaborazione diretta, in qualsiasi forma riteniate utile;
  • Metterci in contatto con persone o enti che potrebbero pubblicizzare, valorizzare e incrementare la nostra attività;
  • Firmando le petizioni online
  • Partecipare alla riunione del mercoledì aperta a tutti presso Ex Casa del Popolo, via Mazzini 99 ad Alghero, alle ore 18:00 (18:30 orario estivo): la partecipazione attiva è il più importante sostegno!